Valore estratto conto, INPS: per la cassazione è sempre certificativo

Un lavoratore chiede all’INPS l’estratto conto della propria situazione contributiva. Sulla base dei numeri forniti dall’Istituto l’interessato, qualche anno dopo, si dimette per avere la pensione. Prestazione negata in quanto non ha raggiunto il minimo dei contributi necessari. Perché? Perché i dati riportati sull’estratto non erano corretti e hanno indotto l’interessato al passo falso.

Leggi tutto